Dott.ssa Elisa Benedetti

Disturbi dell'articolazione temporo-mandibolare

Il lavoro sul' articolazione temporo - mandibolare riequilibra la coordinazione dell'articolazione nelle componenti articolare, muscolare e posturale.

È utile il lavoro dell'osteopata in caso di scrosci, malocclusione, ridotta apertura della bocca.

Il trattamento manuale libera i due capi articolari della mandibola e dell'osso temporale, il menisco interposto e i muscoli pterigoidei esterni che ne armonizzano il movimento. Se le componenti sono libere, nell'aprire la bocca i condili ed il menisco interposto si muovono simultaneamente in avanti con rotazione e traslazione. Se non c'è coordinazione il menisco può fare un click o la mandibola aprirsi in modo asimmetrico tra destra e sinistra.

La postura del capo e della colonna sono relazionate anch'esse alla posizione della mandibola, per la mediazione muscolare e legamentosa. Per esempio una terza classe occlusale può comportare: la mandibola anteposta e più grande, il mascellare meno sviluppato, un allungamento dei musoli ioidei, l'accorciamento dei muscoli occipitali, le curve del rachide rettilineizzate, il baricentro spostato posteriormente sui talloni.

 

 

Tratti dal sito http://m.my-personaltrainer.it/postura/posturologo4.html